Resoconti 18/ott/2020 | 14:57by Colin McGourty

Norway Chess 10: Levon batte Magnus | Firouzja secondo

Magnus Carlsen si era già assicurato la vittoria nell'Altibox Norway Chess con un round di anticipo, ma come nel 2019 il suo umore è stato rovinato da un'ultima sconfitta, questa volta negli scacchi classici contro Levon Aronian. "Mi sono sentito abbastanza un incapace per tutto il torneo", ha confessato il campione del mondo, mentre il diciassettenne Alireza Firouzja, che ha battuto Jan-Krzysztof Duda nel round finale, è stato comprensibilmente felice del suo torneo a parte l'errore contro Magnus. La vittoria di Levon significava che, avessimo contato solo le partite classiche avremmo avuto tre giocatori primi a parimerito.

Dove ho sbagliato? | foto: Lennart Ootes, sito ufficiale

Puoi rivedere tutte le partite dell'Altibox Norway Chess 2020 qui sotto.

E qui c'è il commento in diretta della giornata a cura di Matteo Zoldan, del GM Arthur Kogan, dell'IM Pierluigi Piscopo e Davide Di Trapani.

Controlla le nostre offerte speciali durante il Norway Chess a chess24.com/deals

Magnus Carlsen ha vinto l'Altibox Norway Chess con un turno di anticipo, ma il dominio totale non c'è stato, a causa dell'ultimo turno, che ha lasciato solo un punto di distacco tra il primo e il secondo, e tra il secondo e il terzo.


Puoi vedere il dettaglio dei punti nelle partite individuali qui sotto – erano 3 punti per una vittoria e 1 punto per la patta, mentre dopo una patta c'era mezzo punto bonus deciso dall'Armageddon. Puoi cliccare qualsiasi risultato per vedere la partita corrispondente.

I premi erano i seguenti, una bella giornata per il giovane Alireza!


Invece di analizzare partita per partita, guardiamo come è andato il torneo per ognuno dei giocatori.

1. Magnus Carlsen: 19,5 | 5 vittorie, 3 patte, 2 sconfitte + 3 vittorie su 3 in Armageddon | -0,8 Elo

Non ci sono molte debolezze di Magnus Carlsen da evidenziare, ma una di queste sembra essere giocare il turno finale dopo aver vinto un supertorneo con un turno di anticipo! Un anno fa Magnus aveva affrontato Fabiano Caruana nell'ultimo turno ed era arrivato ad una mossa dal perdere la partita a cadenza classica per poi venir battuto sonoramente nell'Armageddon.

Il cerchio si chiude con Magnus e Aronian a completare lo stesso rituale del primo turno | foto: Lennart Ootes, sito ufficiale

E' passato un anno e le cose sono peggiorate. Questa volta Magnus, che fino alla sconfitta contro Duda aveva portato avanti una striscia di imbattibilità durata 125 partite, ha perso con i Bianchi. Perdere da Levon con qualsiasi colore è una cosa che può accadere a chiunque, ma è preoccupante la qualità delle mosse. “Oggi il suo gioco è stato davvero brutto, per il suo livello”, ha detto Vladimir Kramnik, che aveva speso la maggior parte dell'evento in elogi per il Campione del Mondo in carica.

Carlsen, Aronian e Kramnik avevano tutti dubbi circa la decisione di Magnus di giocare Rf1 invece che, per esempio, arroccare lungo. E non era una partita in quella variante di scacchi proposta da Kramnik in cui nessun giocatore può arroccare, come Levon ha dimostrato con 15…0-0.

il Bianco sarebbe stato ok comunque, ma il piano con 18.Th3!? ha fatto alzare dei sopraccigli, e sembra chiaro che dopo 18…Db3 era il momento di cambiare le Donne. Quando 23.Db5+ è apparsa sulla scacchiera Kramnik stava già presagendo che Magnus avrebbe perso.

Dopo 24.Rg1 Txe5 Levon ha rivelato che Magnus era vicino dal perdere al colpo!


E' stato un momento divertente, perchè Magnus stava per giocare Txg6 qui! Probabilmente pensava avrei giocato per la patta, ma in realtà pensavo di star leggermente meglio e avrei pressato senza nessun rischio per tutta la partita.

Il problema dopo 25.Txg6+?? è che invece della patta per scacco perpetuo dopo 25…fxg6 26.Dxg6+ c'è 25…Rh7! e il Bianco può abbandonare.

Potremmo essere tentati dal dire che il finale di Torri che ne è seguito fosse pieno di “alti e bassi”, ma quando Fiona Steil-Antoni lo ha detto a Levon lui ha replicato: “Cosa intendi per alti e bassi, sono stato meglio l'intera partita!”

Non era in errore! Anche se obiettivamente la valutazione è cambiata da un vantaggio vincente alla patta un paio di volte, Magnus è stato alle corde per tutto il tempo cercando di sopravvivere. Levon si è anche tolto un sassolino dalle scarpe con Vladimir Kramnik quando siamo arrivati alla posizione con l'ultimo colpo di scena della partita.


Qui Magnus, con solo poco più di 2 minuti contro i 20 di Levon, ha giocato 50.Txf6? e dopo 50…b3! i pedoni Neri non potevano più essere fermati. Invece 50.Tg7+ Rb6 51.Tg8 b3 era patta, ma non dopo 52.Tb8+ che era stata suggerita da Kramnik. 52.g5, 52.h5 o anche la divertente 52.Re3 b2+ 53.Rd2 b1=C+ 54.Rc1 Cc3 55.Rb2 pattano, ma Vlad aveva un po' esagerato nel dire che era Levon che avrebbe dovuto forzare la patta!

Non ci sono stati più colpi di scena, così le sconfitte di Magnus negli scacchi classici sono stati come i pullman inglesi - aspetti tantissimo e poi ne arrivano due uno dietro l'altro.

Il campione del mondo non aveva nulla da recriminare, a parte il suo gioco:

Ma lasciando da parte gli standard disumanamente alti che Magnus si impone, è stato un torneo decente. Si è assicurato la vittoria con un turno di anticipo, vinto metà delle sue partite classiche (5 rispetto alle 4 vinte da Levon e Alireza) e vinto tutte e tre le partite di Armageddon che ha giocato. Ha anche vinto le partite che immaginiamo contassero di più - battendo finalmente il suo più grande rivale attuale, il n. 2 Fabiano Caruana, per poi fare lo stesso con un potenziale futuro sfidante, Alireza Firouzja.

Negli anni Magnus ha faticato con la pressione extra e gli obblighi contrattuali con i media dovuti a giocare in Norvegia, ma è adesso l'unico giocatore ad aver vinto il Norway Chess tre volte nell'arco di 8 anni di storia.

2. Alireza Firouzja | 18,5 | 4 vittorie, 5 patte, 1 sconfitta + 3 vittorie su 5 in Armageddon | +20,6 Elo


Si potrebbe dire, tuttavia, che il torneo apparteneva ancora ad Alireza Firouzja. Un'estate poco brillante di scacchi online aveva visto alcuni iniziare a dubitare del 17enne prodigio, ma nel suo primo torneo alla scacchiera ha ripreso da dove si era interrotto e ha continuato la sua ascesa, guadagnando punti ogni giorno tranne quando ha perso contro Magnus nel penultimo turno:

Karjakin e Anand sono i prossimi obiettivi nella missione di Firouzja di dominio del Mondo! | fonte: 2700chess

Il modo in cui si è ripreso da quella sconfitta – vincendo la terza partita a cadenza classica di fila contro Jan-Krzysztof Duda, per garantirsi il secondo posto nel torneo e superare per rating il polacco al nr. 17 del mondo - parla da solo.

Alireza sembra essersi scrollato di dosso la dolorosa sconfitta contro Magnus. In parte è stato perché ha correttamente sottolineato che pareggiare o perdere quella partita non avrebbe alterato la classifica in modo drammatico (Magnus sarebbe andato al round finale in testa in ogni caso), ma anche che sentiva che era più su come lui giocava piuttosto che come aveva giocato Magnus.

Ho perso contro me stesso, credo! Non era una questione di nervi, ma forse ero un po' troppo eccitato a giocare. In generale ero un po' deluso perché la partita è diventata piatta e volevo giocarne una complicata a causa della situazione di classifica del torneo.

Quella bruciante ambizione e fiducia in se stesso è stata evidente nel suo resoconto di come era andato il torneo.

Oggi mi sento bene ma in generale sono un po' deluso perché sono arrivato vicino a vincere il torneo, ma immagino siano cose che succedono!

Usando i criteri di punteggio standard Alireza ha fatto gli stessi punti a cadenza classica di Magnus (e Aronian), un +3 a 6,5 su 10, e in effetti la differenza tra di loro sarebbe scomparsa se Alireza non avesse perso per il tempo una partita di Armageddon contro Magnus che sembrava stare guidando agevolmente alla vittoria.

Magnus può legittimamente fare eco alle parole di Kramnik nel 2010, “per adesso Magnus è un mio cliente” nei confronti di Alireza, ma tutti ci ricordiamo come poi è finita!    

3. Levon Aronian | 17,5 | 4 vittorie, 5 patte, 1 sconfitta + 1 vittoria su 5 in Armageddon | +14,4 Elo

L'altro giocatore che ha avuto un grande evento è stato Levon Aronian, che ha raccolto oltre 14 punti di rating ed è ora il nr. 6 in classifica elo live - se avesse convertito una posizione vincente nella seconda partita contro Fabi sarebbe stato il nr. 4. Ha perso quella partita, tuttavia, e ha ammesso che non è stato sempre facile.

Il risultato è buono, il gioco vuole essere migliorato! La solita storia, ma è molto meglio che giocare bene e fare un brutto risultato. Almeno c'è una speranza quando giochi male e ottieni un buon risultato.

La ciliegina sulla torta è stata ovviamente la vittoria nel round finale contro Magnus, che aveva anche un elemento di esorcizzazione di vecchi fantasmi! Un anno fa a Stavanger Levon era sul punto di porre fine alla striscia di imbattibilità di Magnus in un finale di Torri molto simile a quello che abbiamo visto quest'anno.


E' una corsa su entrambi i lati della scacchiera, ma 54.g5! dovrebbe vincere per Levon. Invece dopo 54.h5 b4 Magnus è riuscito a difendere la posizione.

Tuttavia, non si trattava solo di scacchi. Levon stava giocando sullo sfondo inquietante della guerra Armenia-Azerbaigian improvvisamente divampata di nuovo, qualcosa che ha detto ha reso difficile la preparazione per le partite. È stato anche un anno in cui Levon ha perso la moglie, mentre sembra la sua fidanzata abbia contratto il coronavirus durante l'evento.

Nessuno si sarebbe sorpreso se Levon fosse stato incapace di giocare, invece ha battuto il Campione del Mondo ed è tornato ad avere il suo spiritoso atteggiamento dopo partita.

Scherzi a parte, comunque, se non vedremo mai un match del Campionato del Mondo tra Carlsen e Aronian diventerà uno di quegli intriganti scenari di "cosa sarebbe potuto succedere se" nella storia degli scacchi.    

4. Fabiano Caruana | 15,5 | 3 vittorie, 5 patte, 2 sconfitte + 3 vittorie su 5 in Armageddon | -5,4 Elo

Se lo stallo fosse matto... | foto: Lennart Ootes, sito ufficiale

Fabiano Caruana è l'ultimo giocatore in classifica ad avere un punteggio positivo nelle partite a cadenza classica, ma il suo +1 non ha scioccato il mondo. Come ha commentato:

Nel complesso non è stato fantastico. Un po' di alti e bassi. È iniziato molto bene, ho avuto questo periodo davvero difficile nel mezzo, ho giocato due brutte partite, la mia partita contro Magnus è stata davvero deludente e ci sono stati alcuni momenti deludenti in cui forse avrei potuto pressare un po'di più. Mi sento come se avessi avuto una buona possibilità con il Bianco contro Magnus, e con il Bianco contro Alireza, forse oggi [un pareggio contro Tari] speravo di più, ma la posizione non mi ha dato molto, quindi non posso essere troppo deluso da questo. Nel complesso non ho davvero lottato per il primo posto o altro e la mia prestazione non è stata quella che speravo.

C'è stata una grande distrazione per Fabiano, tuttavia, poiché il Norway Chess avrebbe dovuto fungere da riscaldamento per la ripresa del Torneo dei Candidati il 1° novembre. In circostanze normali avrebbe dovuto scegliere attentamente quali sistemi di apertura giocare, ma in questo caso doveva anche gestire la completa incertezza.

E 'stato anche un po' fastidioso il fatto che durante il torneo abbiamo costantemente avuto a che fare con i candidati, chiedendoci se si sarebbe giocato o meno. La sensazione generale era che non si sarebbe tenuto il torneo nemmeno prima che diventasse chiaro che non c'era modo che potesse accadere il 1° novembre o anche più tardi a novembre. Ha iniziato a essere spostato un po' più in la, prima al 5 novembre, poi al 15 novembre e poi a quel punto era abbastanza chiaro che le cose non avrebbero funzionato quest'anno.

Sappiamo che il torneo dei Candidati è stato fissato per la primavera del 2021 invece, anche se non è detto si riuscirà a tenere veramente. In un certo senso questo rende più impressionante che il Norway Chess si sia potuto tenere in forma dal vivo, con la data di Ottobre che è stata un'ispirazione. Il peggiorare della pandemia in Europa e oltre potrebbe impedire l'organizzazione di altri eventi.      

In ogni caso, Fabiano ha mostrato una performance decente date le circostanze, con le sue tre vittorie finali all'Armageddon contro Firouzja, Duda e Tari ulteriore evidenza che può essere un forte giocatore nelle cadenze veloci, un'area dove è sembrato migliorare molto quest'estate.

5. JK Duda | 9,5 | 2 vittorie, 3 patte, 5 sconfitte + 1 vittoria su 3 in Armageddon | -14,2 Elo

Le due sconfitte contro Firouzja non hanno aiutato Duda! | foto: Lennart Ootes, sito ufficiale

Il 22enne Jan-Krzysztof Duda è stata forse la più grande delusione del torneo. Il nr. 1 polacco non è riuscito a rivendicare di essere un membro dell'élite mondiale degli scacchi e in effetti ha perso 14 punti elo. Tutto ha cominciato ad andare storto nel primo turno, quando ha rifiutato un'offerta di patta e ha perso una partita sulle montagne russe contro Firouzja. Alireza ha osservato dopo la fine del torneo:

Se Duda non avesse perso quella partita forse avrebbe potuto vincere il torneo!

Ci sono due ragioni per cui Duda non dovrebbe sentirsi troppo deluso. In primo luogo, aveva l'handicap di sostituire in ritardo Anish Giri, quindi aveva meno tempo per prepararsi all'evento. La preparazione iniziale non è mai stata il punto di forza di Jan-Krzysztof e questo ha peggiorato le cose. L'altro fattore che potrebbe bilanciare tutto ciò che è accaduto è che Duda ha battuto Magnus Carlsen, ponendo fine alla serie di 125 vittorie consecutive del campione del mondo! Questa è un'impresa che verrà ricordata molto tempo dopo che tutto ciò che è accaduto nel Norway Chess 2020 sarà stato dimenticato.  

6. Aryan Tari | 3,5 | 0 vittorie, 3 patte, 7 sconfitte + 1 vittoria su 3 in Armageddon

E' finalmente finita! | foto: Lennart Ootes, sito ufficiale

È difficile evidenziare gli aspetti positivi quando perdi 7 partite classiche e non ne vinci nessuna, ma il 21enne Aryan Tari avrebbe comunque sempre dovuto affrontare un battesimo di fuoco contro un'opposizione in cui ogni giocatore lo superava di oltre 100 punti elo. Aryan ha vinto una mini-partita, contro Duda, e ha costretto Caruana e Aronian alla patta, anche se in realtà quella partita contro Levon è stata un'enorme occasione persa per ottenere una vittoria. "Se non ti uccide, ti rende più forte", dicono, e questo è il tipo di esperienza su cui Tari può costruire.

Così questo è tutto per l'Altibox Norway Chess, un evento che ha dimostrato come fosse possibile organizzare un supertorneo nel 2020! Speriamo vi siate divertiti, particolarmente per la nostra coppia di commentatori Vladimir Kramnik e Judit Polgar.

Per essere solo un contadino russo Vlad sta migliorando parecchio visto che ora ha un profilo Twitter!

Non è chiaro se avremo altri supertornei a tavolino – Wijk aan Zee sembra essere il prossimo – ma questo non significa che mancherà l'azione! Il Champions Chess Tour da un milione e mezzo di dollari di montepremi, il successore del Magnus Carlsen Chess Tour, consiste in una serie di eventi lunghi un anno intero, l'inizio è previsto per la fine di Novembre.

Vedi anche:


Ordina per Data decrescente Data decrescente Data crescente Con piu' mi piace Ricevi aggiornamenti

Commenti 0

Ospite
Guest 10805701354
 
Iscriviti a chess24
  • Gratis, veloce e facile

  • Commenta per primo!

Registrati
o

Crea il tuo account gratuito per cominciare!

By clicking ‘Register’ you agree to our Terms and conditions and confirm you have read our Politica dela privacy, including the section on the use of cookies.

Perso la password? Ti mandiamo un link per resettarla!

Dopo aver inviato questo modulo riceverai una email con il link per resettare la password. Se ancora non riuscissi ad accedere al tuo account contatta il nostro servizio clienti.

Quali funzionalità vuoi abilitare?

We respect your privacy and data protection guidelines. Some components of our site require cookies or local storage that handles personal information.

Mostra le opzioni

Hide Options