Resoconti 30/lug/2020 | 12:00by Colin McGourty

chess24 Legends 9: Carlsen spegne le speranze di Kramnik

Magnus Carlsen si è assicurato che l'avventura nel chess24 Legends of Chess del suo grande predecessore Vladimir Kramnik giungesse al termine quando ha vinto il match per 3 a 1 completando una serie di 9 vittorie su 9 nella fase preliminare. Magnus ora troverà Peter Svidler in semifinale, mentre Anish Giri affronterà Ian Nepomniachtchi in una ripetizione della semifinale del Chessable Masters. Vasyl Ivanchuk ha battuto Vishy Anand nell'Armageddon per chiudere il torneo come miglior giocatore tra quelli che non accedono alle semifinali, mentre Boris Gelfand ha finito in bellezza sconfiggendo Nepo.


Potete rivedere tutte le partite del nono turno del chess24 Legends of Chess qui sotto:

Ding Liren, Anish Giri e Magnus Carlsen hanno guadagnato l'intera posta di 3 punti per aver vinto senza aver avuto bisogno dell'Armageddon:


Qui sotto trovate il commento in diretta al nono turno, a cura di Carlo Marzano e Giuseppe Andreoni:

Durante il torneo potete ottenere il 40% di sconto grazie al codice voucher CHESSLEGENDS quando sottoscrivete un abbonamento Premium!

Carlsen spegne le speranze di Kramnik

Vladimir Kramnik alle Olimpiadi di Batumi del 2018 | foto: David Llada

Quando Magnus Carlsen stava raggiungendo la vetta del mondo degli scacchi, il 14° Campione del Mondo Vladimir Kramnik era uno della vecchia guardia. La loro rivalità fu intensa e non finì nemmeno dopo che Magnus raggiunse il primo posto in lista elo nel 2010. Il 19enne Magnus scrisse sulla sua pagina Facebook che avrebbe "schiacciato Kramnik come un insetto" prima che Vladimir lo battesse a Wijk aan Zee. Kramnik lo sconfisse di nuovo per andare a vincere le finali del Grande Slam di Bilbao, dopo di che rilasciò un intervista in cui diceva: “al momento Magnus è un mio cliente”. 

Magnus infine riuscì ad affermare il suo dominio sulla scacchiera, ma al Torneo dei Candidati del 2013 Kramnik si avvicinò a deviare il corso della storia quasi riuscendo a guadagnarsi la rivincita del campionato del mondo contro Vishy Anand al posto di Magnus. Non è successo, ma ancora nel 2017 Vladimir ha battuto Magnus al Norway Chess ed è arrivato a 6 punti dal superare Magnus in lista elo. A volte Magnus ha deriso le eccessivamente ottimistiche interviste post-partita di Kramnik, ma allo stesso tempo c'era un sano rispetto tra due grandi campioni. Quando Big Vlad si ritirò nel 2019, una delle grandi perdite fu che non saremmo più riusciti a vedere alcuna partita a cadenza classica tra di loro.

È stato un segno del destino, quindi, che si siano incontrati nell'ultimo round del chess24 Legends of Chess, con Vladimir che aveva bisogno di vincere a tutti i costi, a cadenza rapida, per avere la possibilità di raggiungere le semifinali. Era un'impresa difficile, e lo è sembrato ancora di più quando Kramnik ha giocato male l'apertura nella prima partita e ha lasciato Magnus con la scelta tra buone mosse:


Qui Magnus ha commentato che “ovviamente la mano vuole giocare 27.Cf5!”, ma dopo aver pensato per 4 minuti ha invece preferito il piano che inizia con 27.Cc6!?. Ha riassunto così:

Penso che la morale della storia sia, non fatelo a casa! Giocate semplicemente Cf5 e vincete la partita senza calcolare ogni singloa vaiante.

Magnus stava ancora molto meglio, ma alla fine una combinazione di inesattezze e grande intraprendenza di Kramnik hanno portato ad una posizione pari. Alla fine è stato Vlad a rifiutare la prima proposta di patta per ripetizione.

La citazione migliore dall'intervista post partita di Carlsen è stata la prima:

Sembra che nelle ultime partite, per usare un'analogia del calcio, stia ottenendo opportunità a livello di Lewandowski ma le stia convertendo a livello di Firmino, e per quelli che non guardano il calcio non è positivo!

Quella citazione si poteva applicare alla seconda partita come alla prima. Vladimir non ha trovato una brillante meccanismo di patta visto immediatamente da Judit Polgar:


50.Cf7+! Rg8 51.Ch6+!! è la punta, e se 51…gxh6 non c'è modo di promuovere i pedoni h dal momento che l'alfiere nero non controlla la casa di promozione. Vladimir può continuare a muovere il suo Re tra h1 e le case adiacenti senza che il nero possa fare progressi. Quella non è la fine dell'idea, però, perchè se 51…Rh8 (o 51…Rf8) il Bianco ha 52.Cf5! e adesso il Nero deve dare l'Alfiere (e sarebbe ovviamente patta), o permettere al Bianco di sacrificare il cavallo sul pedone g, finendo nella stessa posizione in cui il pedone di torre con l'Alfiere 'sbagliato' non riesce a promuovere! 52…g5 53.Cxh4 porta allo stesso finale.

Judit l'ha spiegato bene:

Nel prosieguo della partita Vlad ha comunque trovato una variante per riuscire pattare, ma la terza partita è dove Magnus ha ottenuto il punto. Le scelte di apertura di Vlad non hanno ricevuto l'approvazione di Alexander Grischuk:

Ben presto il Bianco ha ottenuto una posizione dominante; Magnus ha poi negato che il suo sorriso fosse riferito al fatto che stava battendo Kramink. Ha dichiarato “Stavo probabilmente pensando a qualcosa di divertente ma adesso non mi sovviene a cosa”.

In ogni caso, quella vittoria significava che per Vladimir non c'erano più possibilità di raggiungere le semifinali, siccome per farlo avrebbe dovuto battere Magnus prima di giungere all'Armageddon. Vlad voleva comunque giocarsela nella quarta partita:

“Per lo meno le ultime due partite sono state ok, ma ha giocato in modo quasi suicida in entrambe, non ho dovuto fare molto” Magnus ha riassunto, e nella quarta partita Kramnik non pareva volesse fermarsi, visto che ha sacrificato un Alfiere in h6:

La partita ed il match erano finite poco dopo.

E' ancora destino per Giri e Carlsen?

Ancora una volta possiamo avere una finale Anish Giri vs. Magnus Carlsen in un evento del Magnus Carlsen Chess Tour dopo che Anish ha battuto Peter Svidler 2,5 a 1,5 per evitare di incontrare Magnus in semifinale.


Entrambi i giocatori hanno spinto per una vittoria con i Bianchi nelle prime due partite senza andare oltre la patta. Nella terza Peter è stato punito in modo impressionante per aver giocato in modo troppo ambizioso. Pascal Charbonneau da un'occhiata a quella sfida.

Peter non è mai riuscito ad avvicinarsi alla vittoria nella partita finale, ma essere l'unica leggenda nelle semifinali è comunque un traguardo importante.

L'Armageddon non è necessariamente un formato per giovani

Altrove la posta in gioco era più bassa, con Ding Liren e Peter Leko, per esempio, che giocavano principalmente per evitare l'ultimo posto. E'stato il nr. 1 cinese che ci è riuscito dopo aver vinto la prima partita della giornata e pareggiato le successive.

Probabilmente il match più divertente della giornata è stato Gelfand-Nepomniachtchi. "La prima partita è stata orribile", ha detto Boris, dopo essere stato battuto in modo convincente. Quindi Ian, che si era già assicurato il 2° posto nel torneo, ha deciso di iniziare la seconda partita 1.e4 c5 2.a3 !? g6 3.Bc4 Bg7 4.h4, che sembrava una pura provocazione contro uno dei più classici giocatori di scacchi degli ultimi 30 anni. La reazione iniziale di Boris potrebbe non essere stata perfetta, ma la sua vendetta è stata una gioia da vedere in seguito!


Boris si era formato alla Tigran Petrosian Chess School da bambino e il suo mentore sarebbe stato felice di vedere il sacrificio di qualità 24 ... Txd5! 25.exd5 Df5!, attaccando la torre e il pedone debole in d3. Boris ha giocato in modo impeccabile da quel momento in poi arrivando a vincere in scioltezza.

Ha detto di essersi “salvato per miracolo” nella partita successiva e sarebbe un eufemismo dire che Nepo non ha visto il lato divertente quando ha sbagliato e consentito la patta per triplice ripetizione in una posizione completamente vinta:

La quarta partita è finita patta, portando il match all'Armageddon. Sebbene Boris avesse battuto Peter Leko nello stesso formato il giorno prima l'ipotesi era che sarebbe stato sconfitto facilmente con il Nero contro Nepo, uno dei giocatori più veloci negli scacchi moderni. A quanto pare, tuttavia, è stato Boris a dominare. Prima sulla scacchiera, quando si è accorto che 16.b5?! era dubbia


16…a4! 17.Da2 Ca5! 18.Af1 Axb5 guadagna un pedone, e dopo molte altre peripezie la partita finiva in un finale di cavalli in cui si mettevano a quadrato...


Sembrava che Nepo avrebbe semplicemente vinto per il tempo, ma tutto quello che dovete sapere su come è finita la partita è che 20 mosse più tardi erano rimasti solo i cavalli neri, quelli bianchi erano spariti!

“Non una partita perfetta" ha detto Gelfand, ma era una di cui poteva essere orgoglioso. Gli è stato chiesto se poteva concentrarsi nel gioco online come fa negli scacchi a tavolino:

Penso di potermi concentrare più o meno allo stesso modo ... Tutti noi abbiamo imparato cos'è il computer! La concentrazione, è un'altra storia. A volte hai un calo di concentrazione, ma succede perché siamo umani e non per colpa degli scacchi online o meno. Durante le partite a tavolino ho avuto molti cali di concentrazione.

L'ultima partita da menzionare è Ivanchuk-Anand, la ripetizione di una sfida che fu vista per la prima volta 35 anni fa nel World Junior Championship del 1985. È giusto dire che questo non è stato il loro match più emozionante in tutti questi anni, dato che le partite a cadenza rapid sono terminate tutte patte. Ciò significava Armageddon, ma Magnus ha deciso di non restare a guardare, dicendo:

Questa partita ha poca importanza a parte stabilire chi è il più veloce, non è vero?

Vishy aveva il Bianco e sembrava avere ottime possibilità quando ha guadagnato un pedone, soprattutto perché ha anche mantenuto un buon vantaggio sull'orologio. Vasyl è riuscito brillantemente a recuperare il pedone, e a liquidare tutto il materiale per assicurarsi una patta che gli ha dato la vittoria nel match. Per Vishy è stata la quarta sconfitta su 4 ad Armageddon, mentre per Vasyl i 2 punti lo hanno portato al primo posto sotto qualificati alla semifinale. Voleva anche dire un premio maggiore!


I semifinalisti si sono già assicurati almeno 17.500$, il finalista vincerà 30.000$ e al vincitore andranno non solo i 45.000$ del primo premio ma anche un posto nella Grand Final del Magnus Carlsen Chess Tour che prevede un montepremi di 300.000$. Carlsen-Svidler e Giri-Nepo iniziano Venerdì, ogni semifinale si giocherà nello spazio di tre giorni, con 4 partite rapid al giorno.

Prima di quello però, c'è il giorno di riposo Giovedì, quando avremo una sessione di Domande e Risposte con Ian Nepomniachtchi alle 18:00 (fai le tue domande qui) seguito da un Banter Blitz con Peter Svidler alle 21:00. Non perdeteveli!

Vedi anche:


Ordina per Data decrescente Data decrescente Data crescente Con piu' mi piace Ricevi aggiornamenti

Commenti 0

Ospite
Guest 10195356591
 
Iscriviti a chess24
  • Gratis, veloce e facile

  • Commenta per primo!

Registrati
o

Crea il tuo account gratuito per cominciare!

By clicking ‘Register’ you agree to our Terms and conditions and confirm you have read our Politica dela privacy, including the section on the use of cookies.

Perso la password? Ti mandiamo un link per resettarla!

Dopo aver inviato questo modulo riceverai una email con il link per resettare la password. Se ancora non riuscissi ad accedere al tuo account contatta il nostro servizio clienti.

Quali funzionalità vuoi abilitare?

We respect your privacy and data protection guidelines. Some components of our site require cookies or local storage that handles personal information.

Mostra le opzioni

Hide Options